Meteo: previsioni del 26 novembre

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
2 Minuti di lettura

La giornata di domenica, 26 novembre, si prevede altalenante per le condizioni meteo in Sicilia, dato che non si escludono piogge in alcune zone dell’Isola, ancora vento e mari agitati.

Quella di domani si prospetta quindi una giornata instabile dal punto di vista meteorologico; in base alle previsioni della Protezione Civile Regionale, contenute nell’avviso di rischio meteo-idrogeologico e idraulico si attendono ancora acquazzoni e vento su zone sparse della Sicilia con sprazzi di sereno nel corso della giornata.

In base al bollettino meteo che sarà valido fino alla mezzanotte del 26 novembre, la situazione complessiva, comunque, si prospetta in leggero miglioramento rispetto alla giornata di sabato 25 novembre, contraddistinta in particolare dalle forti raffiche di vento che hanno causato danni nel Palermitano e nel Trapanese, con crolli di alberi nei centri urbani e conseguenti disagi al traffico veicolare.

Secondo il Dipartimento di Protezione Civile della Regione Siciliana, sono attese precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia nord-orientale e settentrionale, con quantitativi cumulati da deboli.

Nelle altre aree, invece, il sole riuscirà a splendere senza particolari difficoltà. Non si prevede allerta meteo.

Per quanto riguarda le temperature si prevede una diminuzione, con valori massimi compresi tra i 15 e i 17 gradi lungo le zone costiere.

I valori si abbasseranno ulteriormente nelle province interne, dove si toccheranno anche gli 11 gradi durante le ore centrali del giorno; si prevedono, inoltre, minime in discesa,; durante la notte non si andrà oltre i 12 gradi, mentre sempre nelle aree interne della Sicilia non è escluso un calo termico fino a 1-2 gradi.

I venti si presenteranno da forti a burrasca settentrionali con rinforzi di burrasca forte, in attenuazione dalla mattinata.

In relazione ai mari, si presenteranno “agitati o molto agitati i bacini centro-meridionali con moto ondoso in attenuazione”.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.