A Palermo una mostra collettiva di artisti della Romagna

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
3 Minuti di lettura

Si svolgerà dal 30 giugno al 9 luglio al Kalta Tennis Club di Palermo (in via Beato Angelico n. 16), una mostra collettiva di artisti della Romagna, intitolata: “Visioni. Linguaggi pittorici a confronto”, a cura di Graziella Bellone in collaborazione con Roberta Randazzo.

Alla mostra saranno esposte le opere di vari artisti: Giovanna Benzi, Luciano Cantoni, Nilde Capelletti, Luisella Ceredi, Edipa, Arnaldo Gallinucci, Paolo Graziani, Giuliana Guerrini, Susanna Lelli, Malugho, Marco Moretti, Piero Pineroli, Piero Romagnoli ed Elisabetta Venturi.

«La mostra vuole essere un’occasione per indagare la connessione tra vedere e sentire, immagine e immaginazione, lasciando l’interpretazione all’emozione dello spettatore» – ha spiegato la professoressa Graziella Bellone.

"Il mai nato", dipinto ad olio su tela, di Susanna Lelli. L'opera sarà esposta alla collettiva d'arte: "Visioni. Linguaggi pittorici a confronto", in programma a Palermo dal 30 giugno al 9 luglio 2023.
“Il mai nato”, dipinto ad olio su tela, di Susanna Lelli. L’opera sarà esposta alla collettiva d’arte: “Visioni. Linguaggi pittorici a confronto”, in programma a Palermo dal 30 giugno al 9 luglio 2023.

 

Nell’evento artistico si propone un confronto tra le modalità espressive, e i contenuti delle opere dei quattordici artisti partecipanti, provenienti dalla Romagna, attraverso i loro svariati linguaggi pittorici, tra affinità, parallelismi e divergenze.

Gli aspetti figurativo, astratto, allegorico e immaginario attraversano la collettiva catturando lo sguardo dell’osservatore, ammaliato dal fascino pervasivo delle opere, con la loro forza comunicativa e catartica.

«Opere che siano esse raffigurazione di volti umani, paesaggi, luoghi o soggetti informali, diventano il pretesto per rendere possibile l’immersione in un’atmosfera onirica a tratti visionaria, ampliando i confini della dimensione percettiva» – ha evidenziato Graziella Bellone.

Cenni biografici su Graziella Bellone, curatrice della mostra

Graziella Bellone è stata docente di Filosofia e Scienze Umane al Liceo “Giovanni Agostino De Cosmi” di Palermo.

Specializzata in Psicologia, Graziella Bellone si occupa da anni di lettura critica ed interpretazione dei linguaggi visivi dell’arte contemporanea, con competenze di analisi e decodifica degli stessi, si dedica con particolare attenzione alla dimensione psicofilosofica.

È attiva nell’organizzazione, e nella cura di mostre ed eventi culturali.

Nell’immagine in evidenza l’opera: “L’amore non ha confini”, di Piero Pineroli, olio su tela.

Articoli consigliati

Al via, a Bagheria Animaphix, festival del cinema d’animazione.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.