Palermo, al via il progetto italo-tunisino “Celavie” per uno studio sul risparmio idrico

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
3 Minuti di lettura

Lo studio di un progetto sperimentale italo-tunisino, denominato “Celavie”, incentrato sul risparmio idrico, e de primi risultati ottenuti, è stato il tema centrale di un incontro svolto al consolato di Tunisia a Palermo.

L’incontro è stato promosso dal Coreras, ente capofila del partenariato che porta avanti l’attività di ricerca nell’ambito del progetto “Celavie”, e del quale fanno parte Cnr, Green Future, Università di Sfax, Utap, e Agc.

Il progetto “Celavie”, è stato avviato nel 2020 in Sicilia e a Sfax (seconda città e centro economico della Tunisia) con i fondi dell’UE stanziati dal programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia.

A Palermo e presso l’università di Sfax sono stati realizzati due esemplari della “cellula della vita”: un prototipo tecnologico, trasportabile, del tutto autonomo dal punto vista energetico e climatico, per la produzione di vegetali e di specie acquatiche in acquaponica, senza impatto ambientale, e con un risparmio idrico superiore alla soglia del 90%.

Alla rappresentanza diplomatica tunisina sono state illustrate le principali caratteristiche del progetto, e le sue possibili applicazioni, dall’innovazione nel campo dei cicli produttivi alle finalità di carattere sociale, umanitario, ecologico e didattico.

Il console tunisino Nabila Hermi, ha espresso apprezzamento per l’iniziativa e sostegno per le future azioni in collaborazione tra Italia e Tunisia.

 

Il progetto Celavie

 Lo scopo del progetto “Celavie” mira ad apportare un contributo al settore dell’agricoltura e dell’acquacoltura, in particolare nelle zone interne dei territori siciliani e tunisini, offrendo un impulso imperniato sull’innovazione di processi e prodotti.

Il progetto prevede la realizzazione di un sistema, una “Cellula Vitale”, capace di combinare la produzione di piante e di animali acquatici in un ciclo unico ecosostenibile e garantito, caratterizzato da un basso costo, per non entrare in conflitto con altri mercati già saturi, fornendo materiale genetico di qualità a km 0.

Questa  “Cellula Vitale” è costituita da 2 contenitori per la produzione di piante, e lo sviluppo di avannotti in un sistema idroponico e acquaponico, basato su una struttura modulare, trasportabile, autonomo funzionante con energia rinnovabile (fotovoltaica).

Nel progetto “Celavie” si prevede di ealizzare due impianti pilota in grado di fornire piante e avannotti/larve selezionate, con elevati standard in termini qualitativi.

Il processo, moderno e certificato, garantirebbe una garanzia dal punto di vista genetico e sanitario riuscendo a fornire piante certificate esenti da agenti patogeni, e favorendo prodotti di qualità d’acquacoltura d’acqua dolce a basso costo d’investimento, tenendo conto della tecnologia impiegata basta sul fotovoltaico, del risparmio idrico, e dell’assenza di fertilizzanti e di anidride carbonica.

Articoli consigliati

Nasce In.Sicily, piattaforma web dedicata all’innovazione in Sicilia.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.