Bagheria, avvistata baby gang che da fuoco ai rifiuti

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
2 Minuti di lettura

Nella serata di ieri, 28 dicembre, intorno alle 22.00, a Bagheria alcuni cittadini hanno avvistato una baby gang che ha dato alle fiamme dei cumuli di spazzatura.

Secondo alcune testimonianze un gruppo formato da circa 5 o 6 ragazzi, le cui fattezze erano mascherate da felpe con cappucci, ha bruciato dei sacchetti di immondizia in via Maggiore Toselli nella zona periferica di Contrada Monaco.

Nelle immediate vicinanze era parcheggiata una mini car dal cui impianto stereo proveniva musica trap a tutto volume.

Una pattuglia della polizia è intervenuta sul posto immediatamente abbandonato prima dai membri della baby gang, che nel frattempo hanno fatto perdere le loro tracce a bordo della mini car.

Gli agenti di polizia, tuttavia sono rimasti a presidiare il luogo dove è stato appiccato il rogo, fino all’arrivo dei vigili del fuoco che hanno provveduto a spegnere le fiamme; un altro triste scenario che si ripete in modo sistematico alla periferia di Bagheria.

Proprio la modalità sistematica con la quale vengono bruciati i rifiuti in Contrada Monaco induce a pensare, secondo l’opinione di qualcuno, ad una serie di azioni che, oltre all’atto vandalico, e al netto di altre considerazioni che vertono sulle “goliardate giovanili”, mira a deviare l’attenzione su tale fenomeno negativo, per nascondere altri tipi di reati di certo non meno gravi e che riguardano la criminalità giovanile.

Quello che al momento rimane certo è il continuo invio di segnali di inciviltà e di disagio che si registra alla periferia del secondo comune della provincia per popolazione, e che, facendo i dovuti scongiuri, rischia di aggravarsi ulteriormente se non si provvede nel più breve tempo possibile.

Gli ultimi episodi di rifiuti dati alle fiamme risalgono ad alcune settimane fa: nella notte tra il 12 ed il 13 dicembre, sempre in via Maggiore Toselli ed in quella precedente tra l’11 ed il 12 in via Peppino Impastato.

Foto in evidenza di: Ignazio Soresi.

Fonte: L’inchiesta di Bagheria.

Condividi Articolo
1 commento
  • Bisogna presidiare la zona con le forze dell’ordine , i signori non fanno l’indifferenziata e i loro “piccoli completano l’opera “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.