Verranno restaurati gli storici lampioni di Corso Umberto?

Lorenzo Puleo
da Lorenzo Puleo
2 Minuti di lettura

Il Corso Umberto di Cinisi, arteria principale del paese, cambia aspetto. Infatti é stato deciso di cambiare l’illuminazione pubblica e da giorni le vecchie lampadine ad incandescenza con il loro tipico colore giallo, che per anni hanno illuminato il corso, sono sostituite dalle più moderne ed a basso consumo energetico lampade a led a luce fredda. Ora una delle vie più importanti del nostro paese, così come la Piazza Vittorio Emanuele Orlando, è ancora più riconoscibile vista dall’alto, per quanti atterrano di sera nel vicino aeroporto o per chi sale in montagna, grazie appunto al nuovo colore dell’illuminazione.

Questo è un importante passo per l’abbattimento dei costi derivanti dalle luci del paese, com’è noto il consumo energetico di una lampadina led è inferiore rispetto quello delle lampadine ad incandescenza. Proprio per questo si dovrebbe procedere via dopo via alla sostituzione di tutte le vecchie lampadine per potere consumare meno energia elettrica.

Il Corso Umberto è solo l’ultima via che viene convertita al led, infatti in altre via come la Via Butera o la Via Falcone da tempo sono state installate lampade al led. Ma questa è la prima volta che l’arteria principale del paese ha un colore differente dalle altre strade circostanti. Un piccolo passo verso l’efficentamento energetico ma dal grande valore simbolico essendo interessante il corso e la piazza principale.

Le nuove lampade a Led sono un passo importante per l’ammodernamento del paese, ma i lampioni storici che le ospitano versano in stato di degrado, alcuni sono parzialmente rotti, altri non sono funzionanti, eppure rappresentano una delle bellezze storiche del nostro paese e per tale motivo sarebbe il caso di non limitarsi al semplice cambio delle lampade, quanto piuttosto procedere al restauro degli antichi lampioni per farli tornare al loro antico splendore.

Lorenzo Puleo – Cinisi Post

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.