fbpx

Un libro sulla fine di Noemi Ocello

Nonostante siano trascorsi due mesi dalla chiusura delle indagini, la morte di Noemi Ocello avvenuta il 5 dicembre del 2020 a Palermo era e resta tutt’oggi un mistero. Giorno 29 aprile sarà presentato il libro inchiesta “Noemi Crack Bang. La banalità del Male”. Alle ore 18 in piazzetta Bagnasco saranno presenti i due autori del libro, Victor Matteucci e Gilda Sciortino, gli amici, i conoscenti di Noemi, la dott.ssa Marinella Cannella (psichiatra psico-analista), il dott. Sebastiano Vinci (psicologo dell’Asp Palermo) e anche l’operatore sociale, Nino Rocca.

Quella di domani sarà un’occasione per scuotere nuovamente e ulteriormente le coscienze, si ricorda, infatti, la pietra che è stata posta in memoria di Noemi Ocello e di tutti gli altri invisibili in piazza Brunaccini, nel cuore di Ballarò, a dicembre e che è monito della lotta contro l’indifferenza per le molteplici vittime dell’emarginazione e dell’esclusione sociale. In quell’occasione il sindaco aveva affermato che: “Questa pietra deve inquietare chi la vede, i mercanti di morte, i giovani che sono dentro un tunnel e che hanno diritto di sperare sia possibile uscirne” e aggiungeva ancora che: “Può sembrare un fatto simbolico, ma a questo si accompagna l’attività che abbiamo fatto partire con il tavolo tecnico, d’intesa con l’Azienda Sanitaria Locale per cercare di dare una risposta che, però, non può essere solo sanitaria. Un percorso sinergico che coinvolge tante persone che hanno condiviso il sacrificio di Noemi nel cammino di vita sino alla sua morte e alle quali esprimo tutta la mia solidarietà».

La drammatica storia di Noemi narrata tramite questo libro vuole mettere in luce la storia che “Si consuma -come spiega un comunicato degli autori del libro- tra Ballarò e lo Sperone, tra i vicoli del centro storico e fabbriche abbandonate, in un mondo nel quale domina la mafia nigeriana con la sua attività di spaccio nello stesso luogo in cui giovani donne si vendono anche solo per una dose di crack”.
La presentazione, che è curata da Mondadori Point di via Mariano Stabile di Giovanni Montesanto, fa parte delle iniziative promosse dall’associazione Piazzetta Bagnasco

Marialessandra Cimò – Palermo Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di piĂą