Palermo, donna esclusa da un concorso in polizia perché incinta, il TAR accoglie il ricorso

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
2 Minuti di lettura

Palermo, 8 giugno – Il TAR ha accolto il ricorso presentato da una donna che era stata esclusa da un concorso per 110 vice ispettori tecnici di Polizia, perché incinta.

Dopo, aver superato le prove, la candidata era stata ammessa all’esame orale, ma dato che era all’ottavo mese di gravidanza con  rischio di parto pretermine, e non potendosi spostare dalla Sicilia a Roma, sede della prova, aveva chiesto tramite PEC di potere sostenere l’esame da remoto, fornendo, naturalmente, anche la motivazione della richiesta.

L’amministrazione, però, non ha risposto alla richiesta della candidata, e l’ha esclusa dalla selezione poiché non presente alla data prefissata per l’esame orale.

I giudici del TAR, come è già stato anticipato, hanno accolto il ricorso presentato dalla donna, tramite i propri avvocati  Francesco Leone, Simona Fell e Raimonda Riolo dello studio legale Leone-Fell & C, e hanno disposto, pertanto, la riconvocazione della candidata, che adesso potrà sostenere la prova finale per accedere in polizia.

«Siamo lieti che i giudici del Tar abbiano accolto il ricorso – hanno dichiarato gli avvocati della donna – e abbiano disposto la riconvocazione della ricorrente. La gravidanza non può e non deve essere considerata un ostacolo né lavorativo né tantomeno concorsuale, ma un diritto che va tutelato e difeso» – hanno concluso i legali.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.