Palermo, controlli delle forze dell’ordine nelle zone della movida

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

Anche negli ultimi giorni dell’anno a Palermo sono proseguiti i controlli delle forze dell’ordine nelle zone della movida, nell’ambito del protocollo di sicurezza definito: “Alto impatto”.

In modo conforme alle indicazioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, sono stati pianificati servizi di controllo interforze che hanno coinvolto agenti della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, e della Polizia Municipale, coadiuvati da personale dell’ASP.

Le attività di controllo, finalizzate anche a garantire una maggiore sicurezza in occasione delle festività natalizie, si è concentrata in una zona nevralgica del centro cittadino, tra via Isidoro La Lumia e le strade limitrofe, con l’obiettivo di assicurare una maggiore presenza delle forze dell’ordine nei luoghi più frequentati di Palermo e nei maggiori punti di aggregazione, con lo scopo di prevenire tutte le forme di criminalità.

Nel dettaglio i controlli sono stati effettuati in via Isidoro Carini, via Quintino Sella, via Simone Corleo, via Turati, via Omodei, piazze Nascè, piazza Don Sturzo e piazza Crispi.

Le operazioni di controllo hanno contemplato il contrasto alle attività illecite da parte di qualche esercizio commerciale per accertare il regolare possesso dei requisiti stabiliti dalla normativa vigente in materia; in merito a tale ambito, l’attività ispettiva dell’ASP ha eseguito l’applicazione di sanzioni amministrative per carenze sanitarie per un ammontare complessivo di oltre 1000 euro.

Per quanto riguarda gli altri controlli mirati a contrastare le infrazioni alla circolazione, sono state identificate 334 persone, controllati 134 veicoli e contestate sanzioni amministrative per infrazioni al codice della strada per un ammontare di oltre 16.900 euro.

Sono stati effettuati, infine, tre fermi amministrativi ed un sequestro di veicoli.

Le operazioni di controllo del territorio che seguono il protocollo “Alto Impatto” proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.