Bagheria, l’illuminazione pubblica affidata ad una ditta esterna

Nicola Scardina
da Nicola Scardina
2 Minuti di lettura

Il Comune di Bagheria, nel palermitano, ha deciso di affidare il servizio di illuminazione pubblica ad una ditta esterna.

Nella mattina di oggi, 14 marzo, presso la Sala Borremans di Palazzo Butera (sede istituzionale del comune di Bagheria), si è svolta la conferenza stampa di presentazione del servizio, e del nuovo gestore: “Baaria light” che curerà la gestione degli impianti, la manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché il servizio di reperibilità.

La ditta “Baaria light”, scelta a seguito di una gara pubblica, garantirà il servizio dell’illuminazione pubblica per 20 anni.

Firmata la convenzione per l’efficientamento della pubblica illuminazione per la realizzazione del progetto di finanza pubblica.

Il progetto illuminotecnico ha ricevuto un finanziamento di 2.198.000 euro a valere sui fondi “Agenda Urbana”.

Alla conferenza stampa hanno partecipato in rappresentanza dell’amministrazione comunale bagherese, il sindaco Filippo Tripoli, l’assessore Massimo Cirano, e il RUP (Responsabile Unico del Procedimento), il geometra Rino Lisuzzo .

Tripoli ha motivato la decisione di esternalizzare il servizio di pubblica illuminazione con progetto di finanza pubblica, a causa di una situazione diventata difficilmente gestibile dal comune di Bagheria, dove vi sono alcune zone che di sera rimangono al buio, e che di conseguenza sono, oggettivamente, a rischio per l’incolumità dei cittadini per eventuali incidenti o rapine.

Una situazione che veniva ulteriormente aggravata dal fatto che in alcuni periodi dell’anno si registrano dei malfunzionamenti sui quadri elettrici che necessitano di una maggiore manutenzione; e dalla difficoltà dell’amministrazione comunale di reperire tempestivamente i tecnici nelle fasce orarie serali.

«Ci siano trovati di fronte una situazione precaria con zone non illuminate e senza una adeguata sicurezza dei quadri elettrici» – Ha dichiarato Tripoli – «Inizialmente abbiamo tamponato ma non siamo all’optimum ecco perché abbiamo affidato il servizio ai privati come da programma su governo».

Nella foto in evidenza: Palazzo Butera, sede istituzionale del Comune di Bagheria.

Articoli consigliati

Bagheria, una raccolta fondi per ripristinare una cappella votiva.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.