Smantellata piazza di Spaccio tra Isola delle Femmine e Capaci

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

Nelle prime ore di oggi la Compagnia Carabinieri di Carini ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo, su richiesta dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti di tre indagati (uno agli arresti domiciliari, due all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e obbligo di dimora) ritenuti responsabili, a vario titolo, di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti continuati in concorso. Nello stesso contesto sono state eseguite delle perquisizioni domiciliari a carico di quattro ulteriori soggetti, indagati, ma non raggiunti da misura cautelare.

L’indagine è stata avviata nel mese di dicembre 2020, a seguito di risultanze informative acquisite dalla Stazione Carabinieri di Isola delle Femmine inerenti un’intensa attività di spaccio condotta nel centro urbano del comune alle porte di Palermo, che ha consentito di far emergere una costante vendita al dettaglio a numerosi fedeli acquirenti, di cocaina e hashish.

L’attività investigativa degli uomini dell’arma ha consentito di arrestare in flagranza di reato due persone e denunciarne in stato di libertà una terza, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti; sequestrare 70 grammi di cocaina e la somma di denaro pari a 3.195 euro; accertare una continua e strutturata attività di spaccio su Isola delle Femmine e Capaci condotta dagli indagati, i quali, dopo essersi approvvigionati delle sostanze stupefacenti presso il quartiere “Zen” di Palermo, avrebbero operato in modalità itinerante a bordo delle proprie autovetture o, in alternativa, concordando punti d’incontro con gli acquirenti.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.