Spacciava nonostante fosse ai domiciliari

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo hanno arrestato un 39 enne, palermitano, già noto alle forze dell’ordine, in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta in aggravamento della misura degli arresti domiciliari per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. 

L’uomo, durante la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno era stato arrestato dai militari perché durante un controllo veniva trovato fuori dalla propria abitazione, e in particolare davanti un magazzino al quale l’indagato avrebbe avuto libero accesso, violando gli obblighi della misura di prevenzione.

In tale occasione, i militari, a seguito di perquisizione personale e locale, avevano rinvenuto un involucro contenente 20 grammi di cocaina e la somma di denaro di 115 euro in banconote di piccolo taglio, provento dell’illecita attività di spaccio.

A distanza di dieci giorni, il 39 enne è stato nuovamente arrestato dallo stesso Reparto, poiché durante l’ennesimo controllo, nonostante sottoposto agli arresti domiciliari per il reato di spaccio, è stato sorpreso fuori dall’abitazione in compagnia di una persona che alla vista dei militari ha provato ad allontanarsi.

Quest’ultimo, prontamente bloccato, veniva trovato in possesso di 10 dosi di crack e 2 di eroina cedute poco prima dal 39 enne, il quale aveva la disponibilità di 285 euro, ricavo della vendita dello stupefacente.

La droga sequestrata è stata trasmessa al Laboratorio di Analisi delle Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Palermo per gli accertamenti di rito

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha convalidato l’arresto ed ha disposto a carico dell’uomo la misura della custodia cautelare presso la locale casa circondariale.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.