Maltrattamenti su disabili. Tre arresti a Palermo

Botte e violenze su disabili. 5 misure cautelari e 3 arresti a Palermo. I carabinieri di Palermo hanno eseguito cinque misure cautelari nei confronti di altrettanti dipendenti di un centro di assistenza per disabili affetti da paralisi spastica nel quartiere popolare di Brancaccio.

L’accusa per i cinque è a vario titolo maltrattamenti aggravati. Per tre operatori il gip ha disposto la misura degli arresti domiciliari, mentre altri due hanno l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalle vittime. Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Laura Vaccaro e dai sostituti del dipartimento fasce deboli della procura di Palermo hanno accertato decine di episodi di violenze fisiche, minacce, insulti e omissioni nelle cure dei pazienti da parte dei cinque indagati.

I carabinieri della stazione di Brancaccio hanno filmato le violenze quotidiane che gli ospiti disabili della struttura residenziale di assistenza erano costretti a subire dai cinque operatori. Mesi di intercettazioni e videoriprese hanno documentato decine di episodi violenti contro i disabili: i militari hanno filmato un operatore prendere la testa di un ragazzo e sbatterla contro un muro, hanno ripreso un dipendente che prendeva per i capelli un ragazzo seduto sul divano e lo trascinava a terra, hanno immortalato un suo collega colpire ripetutamente un paziente alla testa e al volto mentre era con gli altri ospiti in una delle stanze comuni della struttura.

In altre immagini un dipendente della struttura lancia contro il paziente una sedia a rotelle. Immagini tremende che testimoniano la violenza dei cinque dipendenti della struttura nei confronti dei disabili spastici.

redazione Palermo Post

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More