Lo Mauro davanti al GIP respinge ogni accusa

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

 

Era stato posto agli arresti domiciliari il commercialista Antonio Lo Mauro, accusato dalla Guardia di Finanza di Palermo di estorsione aggravata ai danni di un consulente fiscale e contabile di una società in amministrazione giudiziaria. Secondo l’accusa avrebbe estorto una cifra di poco superiore ai 10.000 euro.

Oggi Antonio Lo Mauro, difeso dagli avvocati Massimo Motisi e Cinzia Calafiore  ha risposto alle domande del gip Cristina Lo Bue. Il commercialista e amministratore giudiziario, arrestato dalla Guardia di finanza, dinnanzi al giudice per l’istruttoria preliminare ha respinto ogni accusa .

“Un interrogatorio di tre ore in cui ha spiegato quali fossero le reali ragioni sottese a quei pagamenti, escludendo assolutamente che si trattasse di pizzo o di richieste illecite, ma spiegando che si trattava di compensi professionali – dicono gli avvocati di Lo Mauro – Abbiamo prodotto alcuni documenti e soprattutto alcune investigazioni difensive alla luce delle quali abbiamo richiesto la revoca della misura e siamo in attesa che il giudice decida”.

Adesso toccherà al giudice valutare se sussiste ancora la necessità della misura cautelare o se revocarla come chiesto dagli avvocati di Antonio Lo Mauro. Certo é che dopo il sistema Saguto e gli scandali scoppiati all’interno della procura, proprio sulle amministrazioni controllate di beni sotto sequestro, c’é una grande attenzione su questi temi.

Redazione – Palermo Post

Condividi Articolo
1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.