Insieme per il nostro mare. La raccolta dei rifiuti spiaggiati organizzata da Liberambiente.

Aldo Sollami
da Aldo Sollami
3 Minuti di lettura

L’associazione ambientalista Liberambiente, che da anni opera nel settore della tutela ambientale è stata protagonista, insieme ad altre associazioni del territorio, ieri presso il lungomare Capaci – Isola delle femmine.
Si sono dati appuntamento ieri mattina alle 8:30 in due punti diversi dei rispettivi lungomare, uno a Capaci ed uno ad Isola.
In tanti hanno risposto presente alla chiamata, fra di loro
L’associazione di Protezione Civile Capaci Torretta Anvvfc, Sicily Kayak, Proloco Isola delle Femmine, Consulta delle Donne di Capaci, ISOLA DEL VENTO Scuola di Vela e Noleggio barche Isola Surf, Mosaicando, Organizzazione di Volontariato Plastic Free, Odv Onlus Isola delle Femmine, Gruppo RnS “profumo di Cristo”, compagnia teatrale @arte&fatti, Gruppo Scout Agesci Capaci 1 e gruppo adulti di Azione Cattolica Parrocchia Sant Erasmo.
L’obiettivo della manifestazione , oltre a ripulire la spiaggia di rifiuti pericolosi (la plastica è uno di questi) era quello di sensibilizzare quante più persone possibili sull’importanza di non gettare e/o lasciare rifiuti sulla battigia, obiettivo tanto fondamentale, quanto molto spesso disatteso.
La stanchezza è sicuramente tanta ma il risultato ottenuto ripaga la fatica perché INSIEME PER IL NOSTRO MARE è stato un grandissimo gioco di squadra dichiarano dalla propria pagina Facebook i ragazzi di Liberambiente.
È ancora – ben 2 km di spiaggia tra Isola delle Femmine e Capaci è stata ripulita per la prima volta dai cittadini di entrambi i Paesi, che con tanta caparbietà hanno raccolto circa 80 sacchi di rifiuti
Dall’analisi dei rifiuti raccolti e differenziati, ancora una volta viene fuori che la regina incontrastata dei nostri mari rimane la plastica, ma come al solito non sono mancate bottiglie in vetro, centinaia di palette per gelato, tappi, mozziconi di sigarette e cannucce.
Dalla raccolta dichiarano da Liberambiente ci sono in totale 13 sacchi di vetro e metalli, 30 sacchi di plastica ed il resto indifferenziato. Numeri alla mano dimostrano che il problema dell’abbandono dei rifiuti in mare è ancora ben lontano dall’essere capito e risolto.
Nei ringraziamenti finali, l’associazione Liberambiente ringrazia il Saracen Sands Hotel per aver preparato un meraviglioso momento di ristoro dimostrando grande sensibilità sul tema, tutte le associazioni presenti e i tanti cittadini che si sono uniti per un obiettivo comune, l’amore per il nostro mare ed infine rivolgono un ringraziamento speciale alle amministrazioni dei Comuni di Isola delle Femmine e Capaci, e soprattutto agli operatori ecologici del Comune di Capaci che hanno dato un grosso contributo nella differenziazione dei rifiuti.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.