I tre dolci tipici di Caccamo

Alla scoperta dei dolci di uno dei borghi medievali più belli in Sicilia

Siamo a Caccamo, in provincia di Palermo.
Il Borgo medievale rappresenta vera e propria  chicca che purtroppo non tutti conoscono o hanno il tempo di conoscere.
Un concentrato di arte e cultura che non poteva che regalare enormi gioie gastronomiche.
Conosciutissimo prodotto tipico Caccamese è la salsiccia, di cui si parla molto per il suo sapore inconfondibile: buono, genuino e “all’antica”.
In pochi invece conoscono la varietà di dolci tipici di questo incredibile borgo medievale.

I tre dolci tipici di Caccamo


i tre dolci di cacciamo. taralliI Taralli di Carnevale:
In Sicilia si mangiano molti dolci alla ricotta ma questo qui, si distingue per la leggerezza dell’impasto.
Semplice ma soffice come una nuvola, ripieno di ricotta di pecora e gocce di cioccolato.
Lo potete gustare al Cafè Royal, pasticceria e rosticceria all’ingresso della cittadina.
Il locale nasce cinque anni fa da un sogno  Alessandro Traficante (pasticcere) e Giusi Cinisio, che a pochi passi dal castello medievale realizzano prodotti con materie prime di alta qualità.

 

I Buccellati con le mandorle:
I classici Buccellati Siciliani sono caratterizzati dal ripieno di fichi secchi.I tre dolci di Caccamo. i uccellati con le mandorle
A Caccamo invece la tradizione vuole che oltre ai classici Buccellati, nel periodo Natalizio, si realizzino quelli ripieni di mandorle.
Il dolce appare meno barocco alla vista, infatti a differenza del classico vengono decorati solo con poco zucchero a velo.
Potete assaggiare i Buccellati con le mandorle alla pasticceria Dolci Tentazioni di Caccamo, nata nel 2019, per mano del titolare Giuseppe La Mendola, pasticcere con alle spalle quasi 40 anni di esperienza.

 

 

I tre dolci di cacciamo. pamacenaIl Panecena:
Sarà o non sarà un dolce?
Il panecena è un pane antico che viene preparato durante il periodo di Pasqua nella città di Caccamo.
Presenta una forte aromaticità data dai semi di finocchio e una nota dolce.
Il pezzo forte è la consistenza, croccante fuori e morbida dentro.
A Caccamo consigliano di mangiarlo tagliato a fettine ed accompagnato con vino dolce del tipo moscato o marsala.
Potete assaggiarlo da  Maria Concetta Giallombardo, titolare del panificio Briciole di pane in via del Carmine, 31 a Caccamo.

Martina Maggiordomo – PalermoPost

1 Commento
  1. […] Alla ricerca del gusto,  oggi alla Gastronomia Sammartino Agrigento. […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più