Fermato Fabio Mustacciolo accusato di 12 Rapine a D’Orleans

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

É Fabio Mustacciolo il rapinatore seriale che operava nei pressi della fermata della Metropolitana D’Orleans. In poche settimane l’uomo avrebbe rapinato turisti, studenti, passanti che si apprestavano a prendere la metropolitana, uno dietro l’altro. Fino ad oggi giorno in cui la polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di fermo nei sui confronti.

Fabio Mustacciolo, 37 anni, palermitano é accusato di 12 rapine ai danni di passanti e studenti nell’area della fermata della metropolitana D’Orleans. I colpi sarebbero stati messi a segno dal 9 novembre fino a ieri. Le indagini sono state condotte dai poliziotti della sesta sezione “Contrasto al crimine diffuso” della squadra mobile.

Le modalità delle rapine erano sempre le stesse, le vittime hanno raccontato che l’uomo, si avvicinava loro armato di coltello e dopo aver minacciato gli ignari malcapitati si faceva consegnare cellulari e il denaro che possedevano, protetto dalla mascherina fuggiva dileguandosi in pochi minuti. Pochi giorni fa anche il ferimento di una delle vittime del rapinatore alla mano, rischiando di essere raggiunta da altri fendenti che non sono andati a segno solo grazie al volume del giubbotto indossato.

Ma la mascherina non é bastata a proteggerlo dalle indagini avviate dagli Agenti della Polizia di Stato, che grazie alle immagini del sistema di video sorveglianza della stazione della metropolitana D’Orleans e di quelli di esercenti nelle vicinanze, oltre che al racconto delle vittime, sono risaliti a Mustacciolo e proprio ieri I poliziott loi hanno rintracciato in corso dei mille e al culmine di un rocambolesco inseguimento è stato raggiunto e bloccato in via Rudinì, nei pressi della stazione centrale. La perquisizione personale a cui è stato sottoposto ha permesso di trovare un coltello a scatto che è stato posto sotto sequestro. In attesa dell’udienza di convalida è stato condotto in carcere.

Redazione – Palermo Post

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.