Domenica la sagra degli Asineddi a Carini

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

Gli asineddi hanno rappresentato un fulcro per l’economia carinese negli anni ‘70 quando la pesca era uno delle principali attività economiche per la comunità. Tra i pesci più pescati dell’epoca proprio gli Zerri in dialetto Asineddi, che venivano pescati dai pescatori carinesi nel periodo tra febbraio e maggio. La pesca dell’asineddu rappresentava un grande aiuto economico perché oltre ai pescatori ne godeva tutto l’indotto di artigiani che preparavano le nasse per la pesca.

Si terrà Domenica 24 Aprile dalle ore 11.30 in piazza Duomo a Carini la 2° edizione della Sagra degli Asineddi. Fino agli anni 70 la pesca degli Asineddi, un caratteristico pesce azzurro del mare di Carini, alimentava un’economia costituita da 150 imbarcazioni e relativo equipaggio dedito alla pesca del pesce Zerro, l’Asineddu appunto. Naturalmente, il pesce Asineddu fu declinato come piatto tipico della cucina Carinese, fritto in agrodolce, buonissimo.

Domenica 24, staremo in piazza a degustare questo piatto tipico, insieme a gruppi folkloristici e gli animatori per i bambini. La 2° Sagra degli Asineddi è un evento organizzato dalla ProLoco insieme al Comune di Carini, per tramite dell’Assessore allo Sport, Turismo, Spettacolo e Marketing Territoriale Valeria Gambino e Francesco Palazzolo, Assessore alle Attività Produttive, e alla preziosa collaborazione dell’Istituto Alberghiero Ugo Mursia i cui allievi si prodigheranno per cucinare e far gustare al meglio gli “Asineddi” in agrodolce.

 

Redazione – Palermo Post

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.