Sequestrati oltre duecentomila euro ad imprenditore

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

Al termine di una complessa e articolata attività ispettiva, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo, hanno eseguito un’ordinanza, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, con cui è stata disposta, nei confronti di un noto imprenditore palermitano operante nel settore dell’edilizia, la misura cautelare personale del divieto di esercitare attività di impresa per 12 mesi.

L’attività trae origine dagli accertamenti svolti dai militari del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Palermo che, nonostante l’occultamento della documentazione contabile della società dedita alla fornitura di macchinari edilizi, sono riusciti a ricostruire il giro di affari dell’imprenditore, constatando in oltre 1.200.000 euro l’insieme dei ricavi mai dichiarati al fisco.

Pertanto, sulla scorta degli elementi raccolti dalle Fiamme Gialle il GIP del Tribunale di Palermo ha emesso il provvedimento interdittivo che è stato notificato sia all’indagato sia alla locale Camera di Commercio, vietando in tal modo all’imprenditore di esercitare attività di impresa. Inoltre, in relazione agli elevati importi evasi il Giudice, accogliendo le proposte della locale Procura, ha disposto il sequestro di beni sino alla concorrenza dell’imposta evasa pari a 215.699,80 euro.

Le operazioni di sequestro, eseguito anche nella forma per equivalente, hanno consentito di assicurare, in attesa del provvedimento di confisca, l’intero complesso aziendale comprensivo di capitale sociale, 5 veicoli speciali (piattaforme aeree, ragni cingolati e transpallet), 2 piattaforme semoventi, 2 autoveicoli e un ciclomotore, oltre alle disponibilità finanziarie presenti sui conti correnti.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.