Palermo: lotta al falso sequestrati oltre 5000 capi di abbigliamento

Martina Caronia
da Martina Caronia
2 Minuti di lettura

Le Fiamme Gialle di Palermo intensificano la loro lotta contro la contraffazione, con un colpo deciso contro il mercato illegale dell’abbigliamento di lusso. In un’operazione mirata, i finanzieri hanno sequestrato oltre 5000 capi di vestiario, sospettati di essere falsi, presso un esercizio commerciale gestito da un noto imprenditore della zona.

L’azione delle autorità è scaturita dall’osservazione di anomalie nei capi esposti in vetrina, che presentavano caratteristiche discostanti dagli originali dei marchi di alta moda. I finanzieri della Compagnia di Partinico hanno quindi richiesto al negozio documenti che attestassero la legittimità della merce in vendita. Di fronte all’incapacità di fornire tali documenti, l’attenzione si è spostata sul magazzino dell’attività commerciale, dove è emersa la vastità della frode: oltre 5000 articoli risultati essere falsi.

Il titolare del negozio è stato immediatamente segnalato alla Procura della Repubblica per ricettazione e per il commercio di prodotti con segni falsi, in base agli articoli 648 e 474 del codice penale italiano. Questa azione, condotta dalla Guardia di Finanza, rientra nei compiti istituzionali della polizia economico-finanziaria, volta a reprimere gli illeciti economici e a tutelare il mercato, i prodotti italiani, la libera concorrenza e i consumatori.

È importante sottolineare che il provvedimento è stato preso sulla base di prove raccolte durante l’indagine preliminare, e pertanto, nonostante le accuse, si mantiene la presunzione di innocenza in attesa di un giudizio definitivo.

Questa operazione non solo combatte la contraffazione, ma invia un chiaro messaggio agli imprenditori disonesti che tentano di lucrare sulle spalle dei consumatori e danneggiare il mercato legale. La Guardia di Finanza continua a vigilare con rigore, garantendo la legalità e la trasparenza nel mondo degli affari.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.