Palermo: Furto di energia elettrica controlli a tappeto altre 19 denunce

Martina Caronia
da Martina Caronia
2 Minuti di lettura

Scatta la morsa della legge contro il furto di energia elettrica nel cuore di Palermo, dove il Comando Provinciale dei Carabinieri ha intensificato i controlli per contrastare la criminalità diffusa. Le recenti operazioni hanno portato alla luce un quadro allarmante: 73 nuclei familiari senza alcun contratto di fornitura regolare, ma con le loro abitazioni clandestinamente connesse alla rete di distribuzione dell’Enel.

In una nuova ondata di verifiche straordinarie, i militari coadiuvati dai tecnici dell’azienda elettrica hanno individuato ulteriori 19 casi di allacci abusivi, scovando così una rete intricata di furti di energia. Le zone coinvolte, quali “Borgo Vecchio”, “Brancaccio” e “Sperone”, sono al centro dell’azione investigativa.

Le conseguenze per i trasgressori non si fanno attendere: 19 persone sono state deferite in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo. Le accuse, pesanti, vanno dal furto aggravato al danneggiamento di proprietà, con pene che, in caso di condanna, potrebbero arrivare fino a sei anni di reclusione.

Oltre al risarcimento per il consumo stimato, gli indagati dovranno affrontare il peso della giustizia, poiché il furto di energia non è solo un reato, ma un rischio per la sicurezza pubblica e un danno economico per la collettività.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Palermo ha dichiarato che tali azioni mirate non solo perseguono i responsabili del furto di energia, ma hanno anche l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza del rispetto delle regole e della legalità.

In un contesto dove il degrado urbano e la marginalizzazione sociale alimentano fenomeni criminali, l’azione congiunta delle forze dell’ordine e delle istituzioni è fondamentale per ristabilire la legalità e garantire un ambiente sicuro per tutti i cittadini.

Questi interventi rappresentano solo un primo passo verso la bonifica di aree compromesse dalla illegalità diffusa, ma dimostrano la determinazione delle autorità nel contrastare con fermezza ogni forma di illegalità e devianza.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.