Palermo: Corse clandestine di cavalli foto e video

Martina Caronia
da Martina Caronia
2 Minuti di lettura

Tredici violente frustate in appena 11 secondi. Questo è possibile vedere nel filmato di una folle corsa al calesse in viale Sandro Pertini, limitrofo allo Zen 2 di Palermo. Un probabile allenamento o corsa a cronometro di un pony utilizzato nelle corse clandestine.

Il filmato, pervenuto ad Enrico Rizzi, influencer per i diritti degli animali, è già stato inviato al Questore di Palermo. “Siamo innanzi all’ennesimo grave maltrattamento di un cavallo nella città di Palermo – ha dichiarato Rizzi – come il povero pony che appena un anno addietro finì schiantato contro un’automobile in via Mongitore. Invito il Questore a mettere in atto quanto necessario non solo per individuare il povero cavallo ora filmato e valutarne l’immediato sequestro, ma anche a intervenire affinché le strade della città non vengono messe più a disposizione di questi reati”.

Purtroppo numerose arterie di Palermo sono state più volte segnalate per la presenza di calessi da corsa, fino al ritrovamento, lo scorso gennaio, di un cavallo morto nella circonvallazione cittadina.Una polemica – ricorda Rizzi – amplificata dall’incredibile comunicato del Comune di Palermo che sminuì quanto avvenuto ricollegando il tutto a un non meglio specificato quanto improbabile carro trainato”. Rizzi fa altresì riferimento al Codice della Strada il quale, al di là dell’uso del veicolo a trazione animale, impone precise disposizioni che vengono però del tutto ignorate. “Basterebbe un attento controllo, congiunto alla verifica delle stalle – ha concluso l’influencer – per ridurre drasticamente il fenomeno”.

Rizzi ha avuto di recente aumentata la vigilanza disposta a seguito delle minacce pervenute.

Il video sulla folle corse alla Zen è disponibile nell’account facebook di Enrico Rizzi https://www.facebook.com/enricorizziofficial/videos/924900372447333?locale=it_IT

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.