fbpx

Mario Biondo la procura chiede Dati a Facebook

Potrebbe venire dal social network Facebook la chiave del giallo sulla morte di Mario Biondo, il cameraman palermitano trovato senza vita nel 2013 nella sua casa di Madrid dove abitava con la moglie, Raquel Sanchez Silva, nota giornalista e conduttrice televisiva spagnola. La Procura generale, che ha evocato l’inchiesta e dopo diversi accertamenti aveva chiesto l’archiviazione del caso, ha scritto a Fb europeo, che ha sede a Dublino, per risalire all’identità di chi, conoscendone la password, si sarebbe collegato con il cellulare al wifi dell’abitazione del giovane poche ore prima della sua morte.

Qualora il social network non dovesse rispondere la Procura generale potrebbe rinnovare l’istanza attraverso una rogatoria internazionale. Gli accertamenti sono stati avviati, nonostante la richiesta di archiviazione pendente davanti al gip, dopo che la difesa della famiglia Biondo, che non crede alla tesi del suicidio ma e’ certa che il ragazzo sia stato ucciso, ha depositato una serie di indagini difensive compiute da un pool di consulenti italo-americani della società Emme Team. Il team di esperti italo-americani, dopo aver scoperto che, il giorno della morte del cameraman dall’account di Biondo sarebbero stati fatti diversi accessi, ha depositato una corposa memoria. I consulenti hanno anche accertato la presenza di dispositivi estranei alla vittima che ne controllavano messaggi e contenuti, altro dato su cui sono stati chiesti chiarimenti a FB, e ha denunciato una serie di incongruenze nelle conclusioni del consulente dei pm secondo il quale Biondo non utilizzava profilo social ed email dal 2011. La Emme Team ha sostenuto di aver scoperto migliaia di pagine di dati, messaggi, post della vittima e tutti gli indirizzi IP di chi controllava i profili social di Mario Biondo, anche la notte della sua morte. Le indagini difensive nei mesi scorsi hanno svelato anche particolari sull’uso della carta di credito di Biondo. All’ora del decesso, dalle indicazioni trovate il cameraman si trovata in casa con il telefono e computer connessi al Wi-Fi e in contemporanea a oltre un km di distanza pagava con la carta di credito, mai stata trovata, una consumazione in un cocktail bar.

Redazione – Palermo Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più