fbpx

Il decoro Urbano. Ovvero l’impegno per una città pulita, civile e inclusiva

A cura di Enzo Crimi – Divulgatore ambientale e naturalista, già Commissario Superiore del Corpo Forestale della Regione Siciliana

Il significato di decoro urbano e territoriale é quel complesso sistema di valori e atteggiamenti ritenuti confacenti al mantenimento, valorizzazione e rivitalizzazione, dello spazio urbano e territoriale, inteso come luogo non solo architettonico, ma anche come realtà concreta di immediata fruizione per il cittadino.

L’attenzione e la cura degli spazi pubblici, sono un segnale significativo della dimensione umana, economica e culturale di un territorio, un valore aggiunto che influisce sulla vocazione di una città e sulle condizioni per dialogare e competere con diversi contesti urbani e territoriali. Lo spazio pubblico va qualificato con elementi di arredo che, a torto considerati di importanza minore rispetto al progetto di opere edilizie, concorrono ad articolare lo spazio urbano ed extraurbano, e spesso si connotano, in positivo o in negativo, come l’espressione più immediata e appariscente dell’immagine di una città e della sua popolazione.

Il disagio relativo al pessimo decoro che vivono le nostre città, ha delle cause tanto semplici quanto complesse, esso passa infatti, attraverso la sensibilità che dovrebbe avere l’uomo nei confronti dell’ambiente e soprattutto, attraverso il grave fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, che può essere considerato come la faccia scura della nostra civiltà opulenta. Questo increscioso fenomeno va attribuito ad una causa sociale che scaturisce dallo scarso senso civico e da una marcata presenza di illegalità diffusa, in particolare nelle zone del meridione d’Italia dove più accentuato è il divario culturale relativo alle problematiche ambientali.

Il principio fondamentale per “controllare” questo fenomeno è la prevenzione che può essere applicata attraverso l’adozione, anche in sinergia congiunta tra Enti e privati, di idonei accorgimenti che possano “educare” la popolazione ad essere più rispettosa verso l’ambiente. E’ giunto il momento di investire attivamente del problema anche le scuole, di ogni ordine e grado, che dovranno supportare le suddette iniziative ed integrare tale attività attraverso un’orientamento culturale di base che a volte è insufficiente.

Nondimeno, il problema è serio ed improrogabile, quindi i dibattiti che si potrebbero aprire con le iniziative di che trattiamo, non possono fare altro che arricchire le esperienze di chi si interessa di queste problematiche, purtroppo, di grande impatto negativo sulla società. Dobbiamo, comunque essere fortemente convinti che tali negatività, si combattono con l’impegno da parte di tutti, ognuno per le proprie competenze, ed in particolare dei Comuni che devono promuovere una sorta di CARTA DEL DECORO E DELLA QUALITÀ URBANA, ovvero, uno strumento contenente principi, orientamenti, consigli e norme relative ai temi del decoro urbano e della cura della città.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini all’adozione di corretti comportamenti individuali e collettivi e di promuovere una nuova cultura civica, insomma, un progetto integrato di lavoro che coinvolga e sensibilizzi la cittadinanza sul tema del mantenimento del decoro urbano, della pulizia, del rispetto del bene e del patrimonio comune.

A cura di Enzo Crimi per Palermo Post

1 Commento
  1. […] per colpa della maleducazione di alcuni compaesani, ai quali non farebbe proprio male un po’ di educazione civica. Nonostante questo sappiamo di essere un piccolo ingranaggio di un sistema più grande, ma che se […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più