Domenica da dimenticare per il Green Basket Palermo

Redazione
da Redazione
3 Minuti di lettura

Domenica da dimenticare, e anche in fretta, quella delle Palme per Green Basket Palermo, incappata al PalaMangano in una netta sconfitta con la Rucker San Vendemiano, terza forza del Girone B di Serie B Old Wild West. Il finale di 50-94 premia la serata di grazia al tiro per gli ospiti (52% da 2, 49% da 3) e condanna la formazione palermitana, arrivata all’impegno incerottata e al termine di una settimana di allenamenti mai col roster al completo.

Dopo l’iniziale buon avvio dei biancoverdi, con un 10-4 nei primi 3’ di gioco, è Baldini a imbastire la sua personale serata di gala con 11 punti nel solo primo quarto. Gli ospiti di coach Mian trovano grande continuità al tiro dalla media, chiudendo avanti al 10’ 17-22. Senza l’infortunato Markus, sono Caronna, Drigo e Lombardo ad attirare le attenzioni della difesa trevigiana, rimontando dal -13 al -6 e costringendo coach Mian al timeout al 15’ (26-32). Hadzic e Palermo capiscono l’antifona, colpendo da oltre l’arco e mandando le squadre al riposo sul 30-41.

Il terzo quarto è quello in cui Rucker imprime l’accelerata decisiva al match, chiudendo di fatto il discorso anzitempo: Baldini due volte, Palermo, Gobbato e Dieng per altre due bombardano da oltre il perimetro, tutto in un amen e tutte di fila, con i palermitani che nello spazio di neanche sei minuti sprofondano dal -7 al -20 (40-60). Le triple a bersaglio, scagliate con mano in faccia e anche da oltre gli otto metri non possono che spezzare le residue speranze di rimonta di un Green Palermo già pesantemente logorato dalle ridotte rotazioni.

L’ultimo quarto è una pura formalità, con Baldini a chiudere il suo personale score da 26 punti a referto, con Palermo, Hadzic e Colombo a interrompere a quota 18 le triple segnate da San Vendemiano. Termina 50-94 con neanche 48 ore a disposizione dei biancoverdi per resettare tutto e preparare la prossima sfida, sempre al PalaMangano, mercoledì 5 aprile alle 20 con Lumezzane.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.