Calciatori di Palermo e Catania a sostegno dei senza tetto alluvionati

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura

I Calciatori di Palermo e Catania e i dirigenti delle due squadre si sono rimboccati le maniche per aiutare gli sfollati vittime del maltempo che ha colpito la Sicilia orientale. Ieri sera al palazzetto dello sport di piazza Spedini, accompagnati dell’inviato delle Iene Ismaele La Vardera, si sono presentati in tuta rosanero i calciatori della prima squadra del Palermo Ivan Marconi e Marco Perrotta, il capitano della Primavera Francesco Parisi e il collaboratore tecnico del settore giovanile, ed ex capitano del club, Mario Alberto Santana.

Con loro al lavoro in tuta rossazzurra si sono presentati i calciatori del Catania, da mesi senza stipendio per la crisi economica del club, il capitano Luca Calapai, Mariano Izco, Andrea Russotto e Leon Sipos accompagnati dal doppio ex Beppe Mascara.

Insieme hanno preso servizio alla mensa e preparato da mangiare, apparecchiato e sparecchiato per i senzatetto. Ad accoglierli, il sindaco di Catania Salvo Pogliese. Al palazzetto dello sport che si trova a due passi dallo stadio “Massimino” sono stati proiettati due videomessaggi inviati dai presidenti dei due club rivali sul campo, ma uniti nella solidarietà Dario Mirri e Giovanni Ferraù.

Domani sera il servizio realizzato dalle Iene si potrà seguire nel corso della puntata che andrà in onda su Italia Uno. Il gesto che vede uniti Rosanero e Rossoblu ha un forte valore simbolico vista la rivalità accesa tra le due tifoserie. I calciatori di Palermo e Catania possono attraverso lo sport essere il simbolo dell’unione necessaria a superare il difficile momento che attraversa la popolazione alluvionata della Sicilia Orientale. Unità che si dovrebbe ricercare anche nel mondo politico che dinnanzi a tali disastri dovrebbe mettere da parte campanile e opportunismi per dare risposte veloci e concrete a tantissimi cittadini colpiti anche economicamente da questa tragedia.

Redazione – Palermo Post

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.