Porto di Balestrate al via i lavori di messa in sicurezza

Redazione
da Redazione
2 Minuti di lettura
Mettere al riparo l’area del porticciolo turistico di Balestrate, nel Palermitano, da possibili crolli di massi che potrebbero verificarsi dalla parete rocciosa che la sovrasta. Anche quest’obiettivo segnato sull’agenda di Palazzo d’Orléans sta per essere raggiunto. Il governo Schifani, attraverso la Struttura commissariale per il contrasto del dissesto idrogeologico diretta da Maurizio Croce, ha infatti assegnato le opere di consolidamento al termine delle procedure di gara effettuate negli uffici di piazza Ignazio Florio.

A realizzarle sarà la Co.e.st. di Potenza che, in ragione di un ribasso del 33 per cento, avrà a disposizione un budget di oltre due milioni di euro per intervenire sul tratto di costone che si estende tra il locale “La Conchiglia” e il rilievo denominato “Croce”.

«Un intervento – sottolinea il presidente della Regione, Renato Schifani – atteso da oltre quindici anni e che restituirà piena e definitiva fruibilità a uno dei tanti scali strategici per il turismo estivo da diporto. A queste preziosissime infrastrutture marittime, più o meno grandi, disseminate lungo le nostre coste e che alimentano l’economia dei territori, rivolgeremo sempre la massima attenzione per coniugare al meglio sicurezza e ricettività».


Su questo versante, caratterizzato da una diffusa instabilità, si era già intervenuti qualche anno fa, senza tuttavia poter contare sulle risorse necessarie per rimuovere totalmente i pericoli. Una situazione di allarme permanente che, per un certo periodo, ha indotto le autorità a inibire al transito in via precauzionale alcune zone. Adesso si lavorerà su due fasce particolarmente a rischio individuate nella falesia, sulla cui sommità si trova anche la strada ferrata. Alle opere geotecniche di consolidamento si accompagneranno quelle per la canalizzazione delle acque che attualmente si riversano in maniera indiscriminata nella banchina del porto. Ciò consentirà di poterle convogliare in idonei punti di scarico a mare.
Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.