Bagheria: Convegno sulla Musica e l’Inclusione Sociale

Martina Caronia
da Martina Caronia
2 Minuti di lettura

Il 24 febbraio, a Bagheria, si terrà un importante convegno che vedrà la partecipazione di scuole e conservatori per discutere il ruolo della musica nell’istruzione, nel lavoro, nella socialità e nell’inclusione.

L’evento, dal titolo “Mi Accompagna la Musica”, organizzato dall’accademia The Ensemble di Bagheria e diretto da Giuliana Di Liberto, si svolgerà presso Palazzo Villarosa in via Flavio Gioia 2, con inizio alle 9:15.

Il convegno si propone di esplorare nuovi approcci educativi che possano integrare la musica come elemento fondamentale nella formazione degli studenti, preparandoli al mondo del lavoro e promuovendo al contempo l’inclusione sociale.

La musica, oltre alla sua dimensione artistica, è vista dagli organizzatori come uno strumento potente di comunicazione e inclusione sociale. Grazie alla sua versatilità, la musica facilita il dialogo interculturale, supera le barriere sociali e promuove l’empatia e la comprensione reciproca. Inoltre, per le persone con disabilità neuro-evolutive, la musica offre un canale espressivo accessibile e stimolante, favorisce la partecipazione e la connessione sociale.

Il seminario sarà aperto dal direttore artistico degli eventi di The Ensemble, Ezio Di Liberto, mentre la presentazione e la moderazione saranno a cura di Antonio Giacalone. Durante la giornata, interverranno esperti del settore musicale e educativo, tra cui Diego Cannizzaro e Michele Mosa del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, Giuliana Di Liberto dell’Accademia Musicale The Ensemble, Dario Oliveri dell’Università di Palermo e l’ispettore di orchestra della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, Davide Alfano.

Tra i temi trattati ci saranno la storia e l’analisi delle culture musicali, la riforma dei conservatori in Italia, la collaborazione tra istituzioni pubbliche e private nel settore musicale, il ruolo della musica nel contrastare le condizioni di fragilità e svantaggio della persona, e l’importanza degli istituti scolastici a indirizzo musicale.

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.