Il TeLiMar in Croazia per la sfida al VK Solaris Sibenik nella 5ª giornata di Len Euro Cup

Vincenzo Sucato
da Vincenzo Sucato
3 Minuti di lettura

A Palermo un mese fa l’approccio al match contro i croati non era stato dei migliori per il Club dell’Addaura, che, però, aveva saputo reagire, ribaltando il risultato nella seconda metà della partita e, grazie a uno straordinario break di 5-0, era stato capace di tenere a distanza di sicurezza gli avversari fino alla fine.

In queste settimane, il lavoro, nonostante gli impegni ravvicinati e l’infortunio del centroboa bulgaro Metodiev, è proseguito: «Credo che la squadra sia migliorata molto dopo la partita di Barcellona e si è visto in casa contro la Rari Nantes Savona.

Abbiamo preparato a fondo questa settimana la partita in terra croata. Dobbiamo concentrarci sul nostro gioco, sia in fase difensiva che in fase offensiva», è l’analisi del centrovasca statunitense Johnny Hooper, che sottolinea l’importanza di «essere costanti e aggressivi in tutti gli aspetti del gioco».

L’avversaria che si troverà di fronte il team guidato da Gu Baldineti è una compagine esperta, che viene dalla vittoria nello scontro diretto per il quinto posto nella Lega adriatica, seppur al termine di un periodo dai risultati altalenanti.

Qualche difficoltà in più in Len Euro Cup, con i primi punti conquistati nel girone vincendo ai rigori a Lille con il Tourcoing: «Il nostro focus – fa notare l’americano al suo secondo anno al TeLiMar – è più incentrato su come stiamo giocando noi. Non dobbiamo concentrarci sulla loro strategia. Con la nostra squadra, da quanto abbiamo visto fin dall’inizio della stagione – conclude – la maggior parte dei risultati dipende dalla nostra prestazione.

Tutto, o quasi, è sotto il nostro controllo».
 
Marcello Giliberti, Presidente del TeLiMar, parla così della sua squadra: «Match importantissimo, perché i tre punti in palio potrebbero alla fine rivelarsi determinanti per il passaggio del turno. Ci troviamo di fronte un ottimo gruppo, dotato di eccellenti individualità, come Petkovic e Pelicaric, che ben conoscono il nostro gioco, avendo militato per alcuni anni nel campionato italiano.

Dobbiamo riuscire a riprendere in Coppa il nostro trend positivo, cercando di mettere in acqua tutto il nostro potenziale superando anche le difficoltà di trasferte estenuanti come questa. Siamo nel pieno di un tour de force veramente insostenibile, sono orgoglioso di come stiamo comunque riuscendo a garantire la totale partecipazione ad un programma così intenso e pesante, articolato fra campionato e coppa, che prevede due partite quasi ogni settimana, spesso lontano da casa».

Condividi Articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.